HSBC per privatizzare la Borsa In Kuwait

L’Autorità kuwaitiana che vigila sul sistema borsistico ha firmato ieri un accordo con l’istituto di credito inglese HSBC, al fine di privatizzare la piazza finanziaria dello Stato arabo e creare una nuova società che sarà incaricata di dirigerla.

In virtù – riferisce l’agenzia France-Presse – di una legge adottata due anni fa, il 50% della compagnia Kuwait Stock Exchange (KSE) sarà dunque ceduto tramite un’offerta al pubblico, mentre la restante metà del capitale sarà posta sotto il controllo di società che sono attualmente quotate alla stessa Borsa di Kuwait City.

Secondo l’accordo raggiunto con HSBC – ha annunciato Abdallah al-Gabandi, dirigente di KSE – la banca gestirà l’intero processo di privatizzazione: «Siamo convinti che tale operazione garantirà un grande apporto per l’economia, per gli investitori, e per i gruppi quotati».

Nel 2010 il parlamento aveva votato a favore della gestione privata della Borsa soprattutto nella speranza di ottenere maggiore trasparenza, fattore che è sempre più necessario per un mercato che è il terzo più grande, in termini di valore, nel mondo arabo.

Alla Borsa di Kuwait City sono quotate ad oggi 125 società locali e straniere, per una capitalizzazione complessiva di circa 100 miliardi di dollari.